Il modello 8bis è un allegato che accompagna la dichiarazione IMU nell’anno in cui vi sono delle variazioni di destinazione dell’Immobile per cui è prevista una variazione dell’aliquota IMU/TASI da applicare.
Se non si manifestano le condizioni per le applicazioni di aliquote agevolate non è necessario effettuare alcuna denuncia IMU né tantomeno presentare il modello 8bis.
Se si concede in locazione un immobile a titolo di abitazione principale alle condizioni stabilite da accordi territoriali in vigore ai sensi della L. 431/98 art. 2 comma 3 (contratto 3+2) e art. 5 comma 2 (contratto transitorio per studenti universitari) (Regolamento IMU art. 4 comma 1), va indicato nel modello 8bis il codice aliquota “N” e si ha l’obbligo di allegare il contratto di locazione con ricevuta di presentazione all’Agenzia delle Entrate e il documento d’identità del dichiarante.

Tale comunicazione va fatta a cura del proprietario al Comune di appartenenza dell’Immobile, nella fattispecie di Torino, in genere presso la divisione “Tasse e tributi” del Comune, di persona o con posta semplice, o via fax o con posta certificata PEC

Il modulo va consegnato anche ai coabitanti, anche a mano, facendosi sottoscrivere la ricevuta dal medesimo.
Per coloro che usufruiscono di aliquote agevolate, il modello 8 bis deve essere presentato entro il termine del versamento del saldo IMU (Regolamento IMU art. 8 bis comma 2), ossia il 16 dicembre 2016, vale a dire nello stesso anno fiscale di riferimento.

Per maggiori informazioni occorre contattare il proprio commercialista, i consulenti fiscali o CAF, o le associazioni piccoli proprietari.